mercoledì 21 aprile 2010

toc toc





prima fase.....trovare un uovo di oca in giardino......(chi non ce l'ha!!!)
seconda fase.....prendi quell'unico porro che hai in frigo, sbuccialo, tagliagli quei tre peli di radice e una bella quantità di foglia; insomma riducido a meno della metà (il porro pulito e sfettolato si riduce ad un cosino bianco bianco fino ad una sfumatura verde verde che è poi quella che terminerebbe con le foglie)
trita il porro e lascia qualche rondella coreografica, mettilo a rosolare insieme ad un pò di olio in una padella e poi........toc toc toc scrash....versaci il super uovo di oca ruspante dentro non appena senti che si è rosolato bene.
terza fase: siccome io sono un'oca e non so fare una frittata uniforme, sbatti l'uovo in mezzo al porro fino a che non risulta cotto...poi ci sistemi due pachino coreografici e ....flash...foto finale prima della scorpacciata ( che poi è diventata una indigestione notturna, vista la mole di uovo mangiato).
ah, dimenticavo....aggiungere sale e pepe q.b.
quarta fase: farsi impietosire dallo sguardo di Neon e fargli assaggiare un pezzo di cena che puntualmente disdegna!!

Nessun commento:

Posta un commento