venerdì 24 settembre 2010

cacciagione.....scene di straordinaria cruenza!!!






prendi 4 amiche a cena
prendi 2 piccioni delle Sara
prendi zucca e patate e del pane
e prendi anche due belle bottiglie di bianco

menù del lunedì:
piccione ripieno
contorno di zucca e patate al forno
crostini alle zucchine e salsiccia

le scene non si possono descrivere, il piccione faceva senso a tutte tranne alla Sara, ingestibile e super unto, buono per carità....ma credo che per le mie prossime cene utilizzeremo altri animali o gli ortaggi!!
e per non parlare della scena di azzannamento del piccole e la fase del taglio.....esperimento superato, ma da non ripetersi!

la zucca con le patate al forno però...mmmmmmmm.....10 e lode!

firenze







apegialla in gita fuori porta con Sara e Natalia...una due giorni di cultura (e che cultura!!), e qualche accenno gastronomico fiorentino!
dopo essere morte di fatica per aver scalato i 414 gradini del campanile di Giotto, aver razzolato per il mercatino di San lorenzo e del porcellino ( che poi è un cinghiale dal muso consunto!!), aver cenato in una trattoria tipica con a fianco 2 canadesi logorroici, abbiam fatto rientro nel nostro "splendido" Hotel Ottaviani con doccia in camera!!!
Firenze, la prima città che ho visitato insieme a mia mamma, la città invasa dai cinesi, la città del lampredotto e della parlata simpatica ( come tutta la Toscana!), la città con l'H&M più bello d'Italia e con una originalissima macchinetta da fare le fototessere vicino alla stazione.
Sarà la millesima volta che vado a Firenze, ma tutte le volte è come fosse la prima!
bello perdersi fra le stradine dai nomi danteschi o che richiamano i vecchi mestieri!
a parte la Sara che non c'era mai stata.....andateci il prima possibile!
e ripetutamente!!

"Firenze lo sai, non è servita a cambiarla la cosa che ha amato di più è stata l’aria lei ha disegnato, ha riempito cartelle di sogni ma gli occhi di marmo del Colosso Toscano guardano troppo lontano...."

mercoledì 22 settembre 2010

un nuovo arrivo in giardino


domenica scorsa è arrivato SILVANO....il melograno nano!
proveninete dal mercatino di Cervia, era là in mezzo a giuggioli ed erbe aromatiche!
ha avuto pure i complimenti di una vecchietta!
ora Silvano ha il suo perchè....vive nel giardino segreto e le sue piccole melograne vengono rimirate da Neon ogni mattina.
Crescerà poco perchè è nano, fara melograne nane, sarà tutto nano per lui....tranne la cura con cui sarà trattato!!!

I LOVE SILVANO!!!
Non teme l'inverno, teme però i ristagni e produce piccoli frutti ma commestibili e gradevoli.
Dicono sia di un bell'effetto decorativo ed io aggiungo anche di buon auspicio!!

Sei un punica granatum nano!!!
in origine venisti dalla persia e dall'afghanistan e fosti amato pure dagli egizi...
simbolo di fecondità e portafortuna ma nell'antichità avevi significato anche di morte
Le spose turche ti scagliano per terra e vedono quanti chicchi escono per sapere quanti figli faranno...
usato nelle cerimonie funebri egizie e nella cosmesi.
fai bene ai capillari e nella farmacopea popolare allontani un verme intestinale ( bleah!!)

Oh Silvano, quanta roba sei!
per fortuna ti ho qua in giardino e a portata di mano!!!

cremina broccolo patata e.....pancetta!

prendi un broccolo verde
una paio di patate
una pentola
pancetta affumicata in scadenza

taglia a cubetti le verdure e mettile in una pentola, poi coprile ( appena sopra le verdure!) di acqua e falle cuocere con coperchio per circa mezzora
allo scadere aggiungi la pancetta alla quale non hai trovato altro impiego culinario
quando con la forchetta le verdure son belle lessate e l'acqua pare essersi ritirata al punto che le verdure non galleggiano più.....
togli dal fuoco vivo
prendi un sottopentola
accendi il minipimer
aggiungi aromi al composto verduroso(insaporitore ad esempio)
pentola sul sottopentola
immergi il minipimer e frulla le verdure e la pancetta finchè non ottieni una cremina

mestolo alla mano
bicchiere di vino bianco
elenore dei The turtles in sottofondo
un pochino di olio

buona cena!!!!!

lunedì 13 settembre 2010

ennio morricone





Ennio Morricone è nato a Roma il 10.11.1928.
Durante la sua carriera si è cimentato in tutte le specializzazioni della composizione musicale: nella musica assoluta così come nella musica applicata, dapprima come orchestratore e direttore in campo discografico, poi come compositore per il teatro, la radio, la televisione ed il cinema.
Nel 1946 consegue il diploma di tromba al Conservatorio e ottiene il primo impiego come arrangiatore per il teatro di varietà;
nel 1947 viene ingaggiato come compositore di musiche per teatro; nel 1953 realizza il primo arrangiamento per una serie di trasmissioni per la radio.
Nel 1954 si diploma in Composizione al Conservatorio sotto la guida di Goffredo Petrassi.
Nel 1958 viene assunto dalla Rai come assistente musicale, ma si licenzia il primo giorno di lavoro.
La sua carriera di compositore di musica per film ha inizio nel 1961 con Il Federale di Luciano Salce; ma con i film western di Sergio Leone - Per un Pugno di Dollari (1964), Per Qualche Dollaro in Più (1965), Il Buono, il Brutto, il Cattivo (1966), C’era una Volta il West (1968), Giù la Testa (1971) - diventa famoso in tutto il mondo.
Nel 1965 entra a far parte del Gruppo d’Improvvisazione Nuova Consonanza;
nel 1984, insieme ad altri compositori fonda a Roma l'I.R.TE.M. (Istituto di Ricerca per il Teatro Musicale.

Dal 1960 Morricone ha musicato oltre 400 film lavorando con moltissimi registi italiani ed internazionali (tra questi: Sergio Leone, Gillo Pontecorvo, Pier Paolo Pasolini, Bernardo Bertolucci, Giuliano Montaldo, Lina Wertmuller, Giuseppe Tornatore, Brian De Palma, Roman Polanski, Warren Beatty, Adrian Lyne, Oliver Stone, Margarethe Von Trotta, Henry Verneuil, Pedro Almodovar, Roland Joffè). Tra I suoi film più noti ricordiamo: La Battaglia di Algeri; Sacco e Vanzetti; Cinema Paradiso; La legenda del Pianista sull’Oceano, Malena; The Untouchables, C’era una volta in America; Mission; U-Turn. La sua produzione di Musica Assoluta comprende più di 100 composizioni scritte dal 1946 ad oggi. Alcuni titoli: Concerto per orchestra 1 (1957); Frammenti di Eros (1985); Rag in Frantumi (1986); Cantata per L’Europa (1988); UT, per tromba, archi e percussioni (1991); Ombra di Lontana Presenza (1997); Voci dal Silenzio (2002); Sicilo ed altri Frammenti (2006); Vuoto di Anima Piena (2008).

Ennio Morricone ha diretto varie orchestre in tutto il mondo tra le quali l’Orchestra dell’Accademia di Santa Cecilia in diverse stagioni sinfoniche. Ricordiamo anche la direzione dell’Orchestra Filarmonica e del Coro Filarmonico della Scala, l’Orchestra del Teatro dell’Opera di Roma, l’Orchestra del Teatro dell’Opera di Budapest, l’Orquesta Nacionales de España (ONE). L’Orchestra Nazionale del Brasile, l’Orchestra della Radio Bavarese Monaco Rundfunk, la London Synphony Orchestra, L’Orchestra Sinfonica Bulgara, l’Orchestra e il Coro della Radiotelevisione Spagnola. Inoltre lavora spesso con l’Orchestra Roma Sinfonietta per i numerosi concerti in Italia e all’estero e anche per la registrazione di musiche per il cinema. Il 2 Febbraio 2007 il Maestro Morricone, con l’Orchestra Roma Sinfonietta, ha diretto un importante concerto presso l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite per celebrare l’insediamento del nuovo Segretario Generale dell’ONU Banki Moon

Nella sua lunga carriera Ennio Morricone ha ricevuto moltissimi premi tra cui 8 Nastri D’argento, 5 Bafta, 5 Nomination all Oscar, 7 David Di Donatello, 3 Golden Globe, 1 Grammy Award, 1 European Film Award, oltre al Leone D’Oro e l’Oscar alla Carriera. Nel 2009 il Presidente della Repubblica Francese, Nicolas Sarkozy, ha firmato un decreto che nomina il M° Ennio Morricone al grado di Cavaliere nell'ordine della Legione d'Onore.

In campo discografico ha ricevuto 27 Dischi D’oro, 7 Dischi di Platino, 3 Targhe d’oro e nel 1981 il premio della “Critica discografica” per la musica del film “Il Prato”. La colonna sonora del film Il Buono, Il Brutto e Il Cattivo è incluso nella nuove entrate del Grammy Hall of Fame 2009.

E NOI C'ERAVAMO!!!
LASSU', SUL CUCUZZOLO DELL'ARENA, COL SEDERE ANCHILOSATO, IL MONOCOLO FISSO SUL PALCO E UNA ZOCCOLA DALL'ACCENDINO FACILE....
NOI SIAMO ANDATI A VEDERE UN GRANDE SPETTACOLO!!!!
sarò facilmente emozionabile ma mi son venuti i brividi in una gran parte del corpo durante alcune canzoni.
vedere questo ometto dal passo lesto, elegante e risoluto, un'uomo che è una leggenda ed anche un orgoglio per l'Italia.
uno studioso, un appassionato ed innamorato della musica e forse anche della perfezione (chissà!!)
un esempio per tanti musicisti
sono molto contenta di aver assistito a questo spettacolo unico ed irripetibile!!!
grazie grazie e grazie a chi mi ci ha portato ( ed ha subito l'odore di caciotta!!!hihihiihihi)

giovedì 9 settembre 2010

LA PIADINA ROMAGNOLA










azdore di Romagna unitevi!!!!
questa sera si prepara la piadina....la Sara è ancora in giro a prendere le ultime cose e poi track.....PIDA PAR TOT!
noi donne da quattro soldi, che non sappiamo cucinare nemmeno lontanamente come le nostre antenate, questa sera vogliamo riscattarci!
Per chi la conosce sa che la piadina è un mangiare povero e che ci sono diverse versioni che variano da zona a zona: a Rimini è sottile tipo ostia, a Bertinoro alta e cicciona.
a Forlimpopoli non lo so, stasera vediamo cosa strolghiamo!!
cosa importante è....un altro arnese tipico e fondamentale: il testo!
piastra di ghisa che pesa come un macigno e sfrega ovunque la metti ( lontano dal lavandino please!!!!), ovviamente ereditata dalla nonna e tramandata a mia mamma!
va scaldato sul fornello a fuoco vivo.

gli ingredienti sono:
1 chilo di farina
mezzo bicchiere di olio di oliva ( lo strutto non ce l'avevamo!)
due bicchieri di acqua tiepida
un pizzico di zucchero
un cucchiaino di sale fino
un pizzico, anche due di bicarbonato

ah....serve un altro arnese tipico: il materello o mattarello, un bastone di legno del diametro di 3-4 centimetri che serve per stendere la piadina!
quello me lo ha prestato il mio vicino di casa perchè figuriamoci se potevo avercelo in casa......senza è impossibile fare una piadina seria, ma credo si possano usare altri attrezzi ( se vi vengono in mente postateli pure che magari li uso la prossima volta!!!).

le fasi:
1)versa la farina ( e gli altri pizzichi di ingredienti) e fai un buco tipo cratere di vulcano al centro in cui versare lentamente olio e acqua.
lentamente amalgama tutti gli ingredienti e controlla che l'impasto ottenuto non sia troppo appiccicoso o troppo secco ( nel caso aggiungi acqua o farina!!)

2) il composto sotto forma di palla va diviso in varie palline ( che saranno le nostre piadine!)
3) mattarello alla mano, spolveralo leggermente di farina e afferra la prima pallina e appiattiscila con forza ( dopo i primi sgorbions abbiamo notato che bisogna essere equilibrati nello spingere sul mattarello per evitare di creare forme improprie nella piadina!!)
4)scalda il testo ( prima una passata con un panno oliato però..) e adagia la tua piadina, forala con una forchetta e munisciti di coltello lungo per poter girare la piada quando è cotta da un lato.
5) prima che diventi un freesbe secco e nero, toglila e tagliala in quattro parti e servila subito al centro del tavolo ( o nascondila sotto un pannetto per tenerla in caldo)

salumi,insalata con valeriana e mele, formaggio...i nostri ingredienti di ieri sera!!!
ah...la Nutella finale il tocco di classe (addio dieta!!!)

giovedì 2 settembre 2010

riflessione settembrina

il sole scalda di meno
per andare a Cervia ci voglione solo 15 minuti ( contro i quaranta di circa 2 settimane fa)
sui banchi pere e susine
al mattino l'erba è bagnata
arriva il periodo delle mostre
che sport farò quest'anno?
il 21 anniversario dei miei genitori
il 12 quello della FRA (evviva!)
sagre di animali e frutti dimenticati
c'è bisogno di una dieta
infradito o all stars?
finiscono le ferie
serve un peeling e delle lampade
ah, finalmente lo stivaletto che mi piace!!!
azz...mi son scordata di fare le passate di pomodori
e i costumi da mare????li metto via o aspetto ancora
c'è un misto di malinconia
voglia di ricominciare con slancio
eppure....è volata troppo in fretta questa stupida estate!

che balle!!!






foto tratte da repertorio estivo....Kat-apegialla-Sarina

mercoledì 1 settembre 2010

SI FEST 2010

http://www.savignanoimmagini.it/index.php
mi piacerebbe vedere:

Naturae
a cura di Steve Bisson

Un racconto sgombro da interpretazioni malinconiche sul paesaggio perduto e privo di riferimenti olistici o basi contemplative. La natura che conta è quella che serve da sfondo per tracciare una mappa di supporto ai comportamenti umani sempre più disorientati e in affanno. Fotografi in mostra: Karin Borghouts, Alejandro Cartagena, Guido Castagnoli, Hin Chua, Michael De Kooter, Anne Lass, Aleix Plademunt, Dustin Shum.

Monte di Pietà (ingresso vicolo della Pietà, 1)
10 settembre: ore 20-24
11 settembre: ore 9-24
12 settembre: ore 9-19
sabato e domenica fino al 3 ottobre: ore 10-13 e 15-19
negli altri giorni su appuntamento: 0541 944017

Simon Roberts
We English

a cura di Stefania Rössl e Massimo Sordi


Simon Roberts ha viaggiato in tutta l'Inghilterra in camper tra il 2007 e il 2008 per questo progetto fotografico. We English prende corpo da Motherland (2005), con gli stessi temi di dentità, memoria e appartenenza in risonanza tra loro. Nel fotografare la gente comune impegnata in passatempi diversi, Roberts intende mostrare un popolo con un profondo attaccamento al suo ambiente e alla patria. Egli esplora l'idea che la nazionalità - l' essere inglese - si trova sulla superficie della vita contemporanea, incapsulato in banali passatempi e attività ricreative di ogni giorno. La resa di queste immagini è volutamente lirica, come di una pastorale d' Inghilterra, dove Roberts trova la bellezza nel banale e nell'esplorazione dei rapporti tra uomo e luogo, e nei collegamenti con i paesaggi che lo circondano.

Galleria Vicini (Giuseppe Zanotti Design, via del Molino, 6)
10 settembre: ore 20-24
11 settembre: ore 9-24
12 settembre: ore 9-19
sabato e domenica fino al 3 ottobre: ore 10-13 e 15-19



Silvia Camporesi
Down By The Water

a cura di Giulia Zorzi

I soggetti sono immersi nell’acqua, come in un grembo da cui nascono le idee, e le immagini sono raccolte in cinque isole, ciascuna delle quali racconta un diverso progetto attraverso opere inedite, dettagli, nuovi punti di vista.
I quaderni dell’artista, Ofelia (new) e il video Dance Dance Dance completano questa narrazione del processo creativo.

Casina di piazza Castello (piazza Castello, 1)
10 settembre: ore 20-24
11 settembre: ore 9-24
12 settembre: ore 9-19
sabato e domenica fino al 3 ottobre: ore 10-13 e 15-19

Paola De Grenet
Albino Beauty
Premio Marco Pesaresi


I ritratti degli albini celebrano un diverso tipo di bellezza con l’obiettivo di eliminare i pregiudizi spesso associati al concetto di “diverso”.

Opera Don Baronio (corso Matteotti, 28)
10 settembre: ore 20-24
11 settembre: ore 9-19
12 settembre: ore 9-19
sabato e domenica fino al 26 settembre: ore 10-13 e 15-19



Paola Fiorini
Elisa Fashion District
Premio Portfolio Italia 2009

Paola Fiorini presenta un lavoro che nasce dalla frequentazione del salone di Elisa, parucchiera nella città di Verona. Luogo di'incontro per signore di bell'età in attesa di acconciarsi tra ricordi e confidenze.

Opera Don Baronio (corso Matteotti, 28)
10 settembre: ore 20-24
11 settembre: ore 9-19
12 settembre: ore 9-19
sabato e domenica fino al 3 ottobre: ore 10-13 e 15-19