martedì 21 febbraio 2012

il fioretto


oggi: ultimo giorno di Carnevale
domani: mercoledì delle ceneri e primo giorno di Quaresima
fioretto: il mio sarà (ma si può dire???)........DAI NON POSSO DIRLO SUL BLOG!hihihi
ma cos'è sto fioretto mi hanno chiesto oggi?
Una volta il «fioretto» abituava alla rinuncia, anzi le conferiva un senso alto: le aggiungeva un elemento eroico, il sapore forte di un atto di volontà. S’imparava così che nel rinunziare a quanto non si può avere può esserci sofferenza, ma non c’è merito; mentre la rinunzia a quel ch’è a portata di mano, per favorire qualcuno meno fortunato o semplicemente per dimostrare di essere forti ed onorare Dio o la Vergine Maria, era un piccolo esercizio di forza d’animo, di vittoria della volontà.
Il «fioretto» è un’invenzione della bistrattata Chiesa controriformista, quella di gente come Filippo Neri e Alfonso de’ Liguori. Gente che parlava semplice ma che possedeva una grande saggezza. Il «fioretto» è anzitutto una preziosa scuola di libertà, quella vera. La libertà di chi sa dire di no ai piccoli stizzosi comandi del peggiore e più tirannico padrone che ciascuno di noi debba sopportare: se stesso.

da domani e per quaranta giorni, durata della Quaresima, rispetterò questo fioretto.
Ce la posso fare!

2 commenti: